Blog

L’interprete e i suoi strumenti

Servizi di interpretariato: principali strumenti e attrezzature

Organizzare un evento che preveda la presenza di uno o più interpreti richiede molto spesso il supporto di specifiche strumentazioni tecniche, che possono variare a seconda delle situazioni: a partire dalla tipologia di evento, al numero dei partecipanti, fino ad arrivare allo spazio a disposizione, ecc., le esigenze specifiche possono variare molto da caso a caso.

Pertanto, oltre alla presenza fisica degli interpreti, potrebbe risultare necessario noleggiare le attrezzature adeguate.

La scelta dell’attrezzatura adeguata all’evento non è argomento da prendere alla leggera: meglio farsi consigliare da esperti e organizzare dei sopralluoghi al fine di permettere ai tecnici di consigliare l’opzione migliore.

A livello tecnico, l’interpretariato non è solo questione di cuffiette e microfono: esiste una quantità di strumentazioni progettate per soluzioni specifiche che ora andremo ad elencare, al fine di fornire una panoramica generale delle possibilità e distinguere le principali casistiche.

Il servizio di interpretariato offerto da SMG è chiavi in mano, e prevede la fornitura della strumentazione e dell’assistenza tecnica adatta ad ogni occasione.

Attrezzature per Simultanea e sistemi di conferenza

Cabina

La cabina è il classico ambiente di lavoro dell’interprete di simultanea.

Si tratta di una cabina di lavoro acusticamente insonorizzata e attrezzata per la trasmissione della traduzione orale al pubblico (emittenti e trasmettitori a infrarossi), dotata di una vetrata che permetta di avere una buona visuale sul pubblico e sulla tribuna dei relatori e dell’eventuale schermo per le proiezioni. Ve ne sono con banchi a due o tre posti per eventi di lunga durata e che richiedono, quindi, l’avvicendamento a turni di più interpreti.

Mixer_Controllo_Audio

Esempio di miscelatore per il controllo audio.

Standard internazionali come le norma ISO 2603 (per cabine fisse) e ISO 4043 (per cabine mobili), tutelano il lavoro degli interpreti di simultanea dettando le direttive per la progettazione delle cabine di simultanea. Vengono stabilite, per esempio, le norme generali di realizzazione del piano di lavoro, della vetrata, dell’altezza da terra, della disposizione in sala e delle condizioni climatiche e acustiche all’interno dell’ambiente di lavoro. Un elenco completo delle regolamentazioni stabilite dalle norme internazionali è disponibile nel documento delle specifiche tecniche stabilite dalla Direzione Generale Interpretazione della Commissione Europea.

 
 

Cabina di regia

È la sala di regia, ovvero la cabina in cui opera il tecnico del suono, che gestisce l’acustica della traduzione simultanea durante l’evento. In genere, viene disposta in prossimità delle cabine degli interpreti per agevolare quanto più possibile l’assistenza tecnica.

Basi microfoniche

Microfono_per_Conferenze

Tipo di microfono per conferenze

Le basi microfoniche, come suggerisce il termine, sono costituite da un microfono più una base d’appoggio con pulsantiera e display (opzionale). Il tipico microfono per i sistemi di conferenza è definito a “collo d’oca”, per la sua caratteristica forma allungata e regolabile. Le pulsantiere possono includere svariate opzioni, tra cui tasti di selezione, votazione, altoparlante interno, regolazione volume, ecc.. e presentare un display per visualizzare le opzioni selezionate. A seconda delle funzionalità per cui sono preposte, si distingue tra basi presidente e basi delegato. Le basi microfoniche, inoltre, sono collegate tra loro da un’unità centrale contenente un processore per il controllo digitale.

Amplificatori

L’impianto di amplificazione della sala è, ovviamente, necessario. Non solo per i relatori: esso, infatti, risulta fondamentale per gli interpreti nel caso di eventi di simultanea in oversound, ovvero in cui l’interpretazione viene trasmessa al pubblico direttamente tramite gli altoparlanti anziché in cuffia (nel qual caso non sarà possibile udire il discorso in lingua originale).

Trattative e Visite Guidate

Le differenze con la simultanea per convegni o congressi sono principalmente tre: spazio, mobilità e, in genere, un numero inferiore di partecipanti.

Spesso per le trattative, così come per le visite guidate, i fattori di spazio ridotto e di mobilità impediscono l’utilizzo delle strumentazioni di cui sopra. Le trattative aziendali, infatti, possono svolgersi in sale riunioni con caratteristiche di spazio ovviamente ridotte rispetto a un centro congressi; inoltre, le visite guidate aziendali possono prevedere dei tour all’interno di strutture aziendali e all’interprete è richiesto lo spostamento fisico attraverso diversi tipi di ambiente (es: uffici, reparti produzione, magazzini),  i quali presentano caratteristiche acustiche diverse l’una dall’altra. O ancora, i tour possono svolgersi in spazi aperti (come nel caso delle guide turistiche).

Sistemi di traduzione per visite guidate (bidule)

In tal caso, le strumentazioni a supporto di interprete devono essere maneggevoli e, all’occorrenza, adatte agli spostamenti. L’impiego ideale per i sistemi di traduzione per le visite guidate, altrimenti noti come Bidule.

In sostanza, si tratta di un sistema di radiofrequenza a onde corte composto da un microfono ad alta frequenza per l’interprete, e da una serie di cuffie riceventi per i partecipanti.

Pro:

  • Maneggevole
  • Costi ridotti
  • Adatto soprattutto per piccoli gruppi di ascoltatori

Contro:

  • Non adatto per interpretariati multilingue
  • Sconsigliato per eventi con un grande numero di partecipanti o per grandi spazi. L’onda corta HF (dall’inglese high frequency – alta frequenza ), infatti, copre un raggio inferiore ai 100m e la gestione in ampi spazi o grandi sale può comportare diverse complicazioni di acustica e ricetrasmissione e richiedere il posizionamento strategico di ripetitori.

Post A Comment