Inglese

Madrelingua inglesi e differenze tra inglese americano e britannico

L’inglese è veramente una lingua semplice da tradurre?

Là dove non è arrivato il colonialismo sono arrivati la politica ed i media, portando oggi l’inglese ad essere la terza lingua più parlata al mondo, preceduta solo dal cinese, al primo posto, dall’hindi al secondo, e seguita, nell’ordine, da spagnolo, francese, arabo, russo e bengalese, portoghese e giapponese.

Ma del quasi mezzo miliardo di parlanti, quanti sanno effettivamente utilizzare la lingua inglese ai massimi livelli di correttezza terminologica e fluidità sintattica richiesti per svolgere una traduzione professionale affidabile?

Secondo le statistiche del nostro Ufficio Risorse Umane, l’84% dei madrelingua inglesi che si candidano per diventare nostri traduttori e che già svolgono questo lavoro autonomamente o per altre agenzie, non supera i test d’ingresso. La maggior parte di loro riceve un punteggio addirittura insufficiente sulla sintassi e sul lessico specifico. Le cause possono essere svariate, dall’insufficienza della formazione scolastica in molti Paesi, alla forte presenza di traduttori provenienti da ex colonie in cui, storicameente, l’inglese si è mescolato alle parlate locali – oggi si sono affermate addirittura lingue d’importanza commerciale come lo hinglish, un mix tra inglese e hindi parlato della danarosa borghesia indiana, in cui ci viene richiesto di tradurre alcuni manuali tecnici per apparecchi di consumo.

Passando, però, alla classica domanda sui quali siano i vantaggi nel tradurre un testo in inglese americano piuttosto che britannico, la risposta è: si tratta di due mercati diversi, che richiedono modi di porsi diversi e, quindi, addirittura frasi diverse. E non dovremmo dimenticare che anche l’inglese australiano, quello canadese e quello neozelandese rappresentano rispettivamente altre tre culture/mercati distinti. È comunque possibile creare testi che facciano indistintamente presa su valori comuni a tutte queste culture, scrivendoli, per esempio, evitando vocaboli che presentano una diversa ortografia a seconda della variante linguistica. E’ proprio quello che abbiamo scelto di fare noi con parte del nostro sito, seguendo un approccio di globalizzazione ed affidando la localizzazione ad altre forme di comunicazione.

Studio Moretto Group ha, infine, risolto il problema rappresentato dalla scarsità di traduttori madrelingua efficaci assumendo internamente i più validi che hanno superato le selezioni e creando insieme a loro, nel corso degli anni, una cultura aziendale rivolta all’etica professionale ed alla qualità della produzione linguistica.

Traduzioni accurate, localizzate per il pubblico britannico e americano

L’inglese è la nostra lingua di specializzazione per la traduzione tecnica, scientifica e legale.
La traduzione tecnica e scientifica: ogni giorno traduciamo centinaia di pagine di testi in materia agroalimentare, medico-scientifica, farmaceutica, meccanica, elettronica, informatica, idraulica, di trasporti, telecomunicazioni e macchine utensili, compresi manuali multilingue, cataloghi per l’estero, disegni tecnici, guide per operatori, programmi software, etichette di prodotti e packaging, verbali di collaudo, trial clinici e manuali farmaceutici.

La traduzione professionale della corrispondenza d’ufficio e la traduzione legale di contratti, procure, brevetti, verbali assembleari, bilanci, rendiconti contabili, atti di compravendita, documenti bancari ed assicurativi completa il nostro servizio di consulenza linguistica alle aziende.

La traduzione pubblicitaria e per i media: tra i vantaggi di disporre di un team di traduttori madrelingua britannici e statunitensi all’interno dell’azienda, spicca la possibilità di affrontare con competenza l’adattamento culturale dei testi alle esigenze del pubblico locale ed il poter gestire la terminologia specialistica per mezzo di personale proprio, formato e sensibilizzato negli anni dalla nostra azienda e tenuto ad osservare le indicazioni in materia di sicurezza nel trattamento delle informazioni.

Grazie a questi presupposti qualitativi, siamo in grado di tradurre e localizzare in inglese per il pubblico degli Stati Uniti, della Gran Bretagna o di altre nazioni anglofone i molti strumenti di comunicazione multimediale oggi a nostra disposizione: cataloghi multimediali, video aziendali in lingua, siti web, landing page, profili su Wilkipedia, blog specialistici, newsletter informative, banner e campagne web vengono localizzati, sia a livello dei metadati che le compongono, sia ottimizzando i codici di programmazione HTML o in altro linguaggio.

Interpreti professionisti di inglese

Poiché l’inglese è la prima lingua richiesta in Europa per gli interpretariati, abbiamo ampliato il nostro staff di simultaneisti e consecutivisti professionisti in modo da soddisfare le crescenti richieste: attualmente gestiamo, in media, un servizio di interpretariato al giorno, operando prevalentemente nelle specialità del design, della politica, della medicina e dell’industria metalmeccanica, elettrotecnica, idrotermosanitaria e dei trasporti.