Blog

Esterno-ufficio-6-225x300

La voce dello staff: esperienza di una nostra traduttirice

La nostra traduttrice Grace Ford, che ha da poco concluso il suo primo anno di lavoro presso gli uffici di SMG e che si sta ora preparando per l’imminente lancio dell’ufficio di Bristol, ha deciso di condividere con noi la sua esperienza come giovane traduttrice in un realtà aziendale multilingue. Ecco la sua storia:

“Durante il mio ultimo anno all’università, quell’importantissima “ricerca di un lavoro” si annidava costantemente in fondo alla mia lista delle cose da fare, sopraffatta da un crescente numero di saggi, incarichi, esercizi di grammatica e la preparazione per quei tanto temuti esami orali.”

“È stato solo per caso che, in un piovoso sabato pomeriggio, fui sorpresa di essermi avvicinata al fondo della lista. Pertanto, decisi che non avrei più potuto rimandare a lungo quel compito, tutt’altro che invitante.”

“Pensai che il modo migliore per iniziare poteva essere quello di navigare sulla career zone dell’Università di Exeter. Dopo essermi autenticata nel portale, scelsi categorie come “globale, “internazionale” e “mondo”, gettando di tanto in tanto uno sguardo sulla finestra bagnata dalla pioggia, i rigagnoli d’acqua che proiettavano ombre sulla parete della camera da letto della mia abitazione di Exeter. Un lavoro come traduttrice in Italia con SMG catturò immediatamente la mia attenzione. Durante il mio anno di studio all’estero, frequentai un corso di traduzione a Forlì e l’idea di tornare in Italia mi stuzzicava. Mi candidai per l’offerta di lavoro, passai i test e i colloqui via Skype e ricevetti un invito per far visita all’ufficio italiano. Presi un volo durante le vacanze di Pasqua e trascorsi tre giorni a conoscere il team e a scoprire com’è la vita dei traduttori interni.”

“Mi fu offerto un posto nel programma di formazione per stagisti qualificati di SMG, pertanto tornai subito dopo la mia laurea. Ciò che mi stupì fu la natura multiculturale dell’ufficio. C’erano traduttori provenienti da diversi Paesi, come Francia, Brasile, Spagna, AustriaRussia, … e pensare a tante lingue diverse parlate in un solo ufficio era esaltante. Capii ben presto che tradurre per un’azienda era molto diverso dal tradurre in università. Dovevo lavorare con scadenze serrate tenendo il ritmo tutto il giorno. Con il passare dei mesi, i membri dello staff mi hanno aiutato ad acquisire esperienza e così sono diventata più rapida nella traduzione. Ricevere feedback positivi da clienti ben impressionati dalla velocità e dall’accuratezza delle nostre traduzioni.”

“Oltre alla traduzione, mi sono occupata anche di altre mansioni, tra cui la stesura di articoli del blog aziendale e la gestione delle pagine dei social network.”

“Ovviamente non era tutto traduzioni e scadenze: stavo vivendo in Italia ed ero decisa a godermi l’esperienza della dolce vita a 360°. L’ufficio si trovava a Brescia, tra il lago di Garda e Milano. Essendo giunta nel bel mezzo dell’estate, ho avuto l’opportunità di visitare il Lago di Garda nel momento migliore dell’anno.”

“Condividevo un grazioso appartamento nel centro storico della città con due ragazze che stavano studiando web design in università. Siccome a loro piaceva molto cucinare, mi hanno insegnato alcune ricette tradizionali italiane davvero fantastiche.”

“Grazie al mio lavoro come traduttrice, mi sono fatta un sacco di amici che potevo frequentare durante i weekend. Ho visitato anche Forlì, dove ho trascorso il mio anno di studio all’estero conoscendo molti studenti. Il contrasto tra Brescia e Forlì era enorme e mi sono sentita molto fortunata di avere avuto la possibilità di fare esperienze in due città così diverse tra loro. A Brescia c’era sempre qualcosa da fare, che si trattasse di un mercatino dell’usato, di una gara di Vespa, di concerti nelle piazze, o una festa di laurea che sfilava per le vie della città.”

“Al terzo mese del mio periodo di stage, il Sig. Luca Moretto mi chiese se fossi interessata a fare da “pioniere” per un progetto di apertura di un nuovo ufficio SMG in Gran Bretagna. Ero deliziata dall’idea e iniziai la ricerca di un posto ideale per il nostro ufficio. Fui io stessa a proporre Bristol, che poteva rivelarsi una buona scelta in quanto, oltre a essere stata nominata come una delle principali città Europee per il futuro, presentava svariati aspetti positivi, tra cui un’industria finanziaria e tecnologica in crescita, nonché storiche aziende del settore marittimo e aerospaziale.”

“Dopo una giornata densa di impegni nella parte sud-ovest della città, ci ritrovammo per passare davanti a un ufficio che si trovava proprio nel cuore di Bristol, di fronte al meraviglioso Brandon Hill Park. Entrando in quell’edificio georgiano (classificato Grade II nella scala di classificazione degli edifici storici in Regno Unito, in una scala da I a III) siamo rimasti sorpresi dalle stanze spaziose e dalla stupenda vista sul parco. C’era un’atmosfera meravigliosa e capimmo subito che era il posto che faceva per noi.”

“L’ufficio inglese aprirà a gennaio dell’anno venturo e non vedo l’ora di farne parte.”

“La mia esperienza in SMG è stata estremamente variegata e stimolante e la consiglierei a tutti gli amici traduttori.”

Originally posted 2013-08-27 09:31:52.

Post A Comment