L’estate ormai è finita, ma anche quest’anno ci ha lasciato come ricordo un paio di tormentoni in spagnolo, la seconda lingua più parlata al mondo.

Lo spagnolo è sempre stato considerato una lingua alla portata di tutti, specie per noi italiani, semplice da parlare e da imparare. Ora, però, è arrivato il momento di sfatare questo mito: per parlare spagnolo non basta aggiungere una S alla fine di ogni parola! Per quanto alcune parole siano simili a quelle italiane, le due lingue non sono uguali! Anzi, lo spagnolo nasconde tante insidie – come la differenza tra “por” e “para”, per non parlare dei numerosi verbi irregolari, – e falsos amigos.

 

Falsi amici di tutti i giorni

Se per esempio a Madrid ordinate pane e burro, non stupitevi se sentite ragliare alle vostre spalle: “burro” in spagnolo significa “asino”! Se invece volete che chiudano la “tienda” per il troppo sole, è molto probabile che vi guardino come se veniste da un altro pianeta, dato che “tienda” in spagnolo significa “negozio” (“tenda” si dice “cortina”): potrebbero pensare che dalle vostre parti si lavori solo quando piove. Se ordinate un drink e vi lamentate perché è “demasiado (= troppo) caldo” probabilmente vi rideranno in faccia perché avrete appena detto che è troppo “brodo”! A proposito, “faccia” si traduce con “cara”: se siete innamorati di Penélope Cruz e volete scriverle una lettera alla vecchia maniera, iniziatela con “querida”! E ancora, “lettera” in spagnolo si dice “carta”: se avete bisogno di un foglio di carta dovrete comprare una “hoja de papel”. Indovinate qual è il titolo originale della famosa serie Netflix “La casa di carta”? Infine, quando dovete scendere dall’autobus e leggete “salida” sulla porta, per carità non arrampicatevi sul tetto del veicolo pensando magari di accedere al piano superiore di un double decker in stile londinese! La “salida” è l’uscita, “salita” si dice “subida”.

 

Qualche precisazione…

Se il vostro corazón è abbastanza forte per proseguire, sappiate anche che:

  • le lettere B e V hanno lo stesso suono bilabiale (V = B);
  • quando la C è doppia si pronuncia marcando la prima C come fosse una K e la seconda come fosse una S sonora – quella in ‘rosa’, per intenderci (es. occidental = okczidental)
  • LL si legge come il nostro GL (come in calle,via, e lluvia, pioggia).
  • per pronunciare la lettera J (jota) occorre immedesimarsi in una moka, visto che il suono ricorda quello del caffè che gorgoglia nella caffettiera!

 

Dialetti e sfumature

Gli esempi e le regole cui abbiamo appena accennato riguardano lo spagnolo castigliano, la lingua di Madrid, quella che viene insegnata a scuola, ma esistono molteplici varianti geografiche dotate di regole grammaticali, sintattiche, di ortografia e di pronuncia proprie, oltre che di un lessico peculiare. Il catalano, per esempio, è una lingua molto diversa, così come lo sono lo spagnolo parlato in America latina e quello delle Canarie.

 

Se avete bisogno di una traduzione in lingua spagnola, anche in una delle sue varianti, e volete essere certi che si tenga conto di tutti gli aspetti del caso, affidatevi ai traduttori madrelingua dislocati nelle varie sedi ispanofone di Studio Moretto Group.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.